Category Archives: Gabriele Riccobono

Gabriele-RiccobonoGabriele Riccobono (Erice, 1990) fondatore e responsabile di Beethoven Autentico. È uno studioso specializzato in filologia e prassi esecutiva beethoveniana. Nel contesto del problema della demarcazione tra approcci scientifici e non scientifici nel campo degli studi beethoveniani, insieme al Dr. Rinaldo Nani, algoritmista, porta avanti una ricerca incentrata sulla definizione di modelli probabilistici per la gestione delle divergenze tra le fonti, con l’obiettivo di superare l’arbitrarietà spesso insita nel loro trattamento da parte della critica testuale ordinaria. Svolge attività di consulenza privata per gli interpreti, e tiene regolarmente corsi e seminari (il prossimo per il Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia, 22/23 novembre 2017). Per contatti: info@beethovenautentico.com

Dal vibrato “selettivo” al vibrato continuo

L’uso del vibrato continuo negli archi si diffuse progressivamente durante i primi trent’anni del ‘900. Prima di allora, il vibrato era stato in prevalenza visto come un ornamento da adottare solo in determinate circostanze e con diverse gradazioni e tipologie (Spohr nella Violinschule ne individua ad esempio quattro). Ciò non significa che nel XVIII e nel XIX secolo non… Read More »

Variazioni “Diabelli”: discrepanze tra urtext e fonti originali

Nell’articolo di oggi cercherò di dare una (prima) risposta a un interessante quesito postoci da Alexander Lonquich – che ringrazio – su alcune problematiche forcelle nella ventesima delle cosiddette variazioni “Diabelli”. Ciò che leggerai non è che una temporanea ipotesi di lavoro, che andrà successivamente vagliata e, se necessario, modificata o sostituita. Sono in debito con le ricerche di… Read More »

“Suonare senza passione…”. La frase virale attribuita a Beethoven che non è di Beethoven

Conosci certamente questa frase spesso attribuita a Beethoven: “Suonare una nota sbagliata è insignificante; suonare senza passione è imperdonabile.” Invano la cercheresti però nelle lettere, nei quaderni di conversazione o nel diario, dato che non compare su nessuna delle fonti originali oggi note. Questa sorta di slogan ormai virale è però somigliante – molto somigliante – a un passaggio… Read More »

Sir George Smart: durate delle sinfonie di Beethoven (1819-1843)

Il direttore d’orchestra inglese Sir George Smart (1776-1867) aveva l’abitudine di registrare accuratamente sui programmi dei concerti la durata delle sue esecuzioni. Un esempio? Il programma della prima inglese della Nona sinfonia, diretta da Smart il 21 marzo 1825 presso l’Argyle Rooms, sede della londinese Philharmonic Society. È evidenziata la durata: 1 ora e 4 min. La tabella sottostante raccoglie… Read More »

Richter o Pollini: chi suona nel modo più autentico questo passo dell’op.110?

Siamo nella fuga finale dell’op.110, misure 168-174 (“Meno Allegro. Etwas langasamer”). La prima edizione originale della sonata – come vedremo tra poco, ce ne fu più di una – riporta il passo con alcune diteggiature e una particolare suddivisione tra le due mani. Indicazioni come quella evidenziata nell’immagine sono inequivocabili: si richiede che la destra incroci la sinistra,… Read More »

8 piccoli enigmi nel “trio” della sonata op.101 | Parte 1: quanto è lungo il levare?

Il primo di una serie di articoli in cui indagheremo otto punti controversi nella sezione centrale del “Lebhaft. Marschmäßig. Vivace alla marcia” dalla sonata per pianoforte op.101 di Beethoven. Parte 1: levare di un ottavo o di un sedicesimo? Le edizioni della sonata op.101 riportano in due modi diversi il levare (batt.54b) di quello che per comodità chiameremo impropriamente “Trio”: talvolta… Read More »