Il duetto in la maggiore per due violini (?) WoO 34

By | 19/05/2018

Tra i lavori postumi (e poco eseguiti) di Beethoven si annovera un duetto in la maggiore di sole 7 battute, senza indicazione di strumento.

 

La composizione, oggi nota col numero di catalogo WoO 34, risale all’aprile 1822.

L’autografo, riprodotto di seguito, risulta pubblicato (in fac-simile) solo nel marzo 1898 dalla Revue Internationale de Musique. Nel 1901 Theodor von Frimmel ne inserì una (apparentemente non impeccabile) trascrizione a pagina 65 del suo Ludwig van Beethoven:

Frimmel, Beethoven WoO34

Beethoven, duetto WoO 34, autografo

 

La dedica al celebre violinista francese Alexandre-Jean Boucher (1778-1861), unitamente alla tessitura delle due voci, fa pensare a una destinazione per due violini – plausibile, ma non esplicitamente indicata da Beethoven.

Boucher, che si trovava a Vienna dal 4 marzo 1822 per una serie di concerti con la moglie Céleste (pianista) e che portava con sé una lettera di presentazione firmata da Goethe, fece visita a Beethoven il 29 aprile.

La stessa data è evidente, insieme alla dedica, sull’autografo conservato alla Bibliothèque nationale de France (département Musique, MS-23).

Il testo recita:

Ecrit le 29 tieme Avril 1822 Come / Monsieur Boucher grand Violon me / faisoit l’honneur de me faire / une Visite – louis Van Beethoven

Beethoven, dedica a Alexandre Boucher sul manoscritto WoO 34

 

Per le ragioni viste, sia questa composizione che l’affine WoO 35 (“Souvenir pour Monsieur S.M. de Boyer“) sono escluse dal volume della (a nostro avviso spesso problematica) edizione completa Henle dedicato alla musica per 2 o 3 strumenti ad arco (vol.VI, serie 6):

“The nature and purpose of both these pieces place them among the “Canons, Dedications and Musical Jokes” (Series 12 of the New Complete Edition).”

 

Gabriele Riccobono
riccobono[at]beethovenautentico.com


Riferimenti

Beethoven, Ludwig van

  • Duetto in la maggiore WoO 34, manoscritto autografo datato 29 aprile 1822, conservato presso la Bibliothèque nationale de France (département Musique, MS-23), con dedica a “Monsieur Boucher

Clive, Peter H.

  • Beethoven and His World: A Biographical Dictionary, Oxford University Press, New York, 2001 (pag.41)

Cooper, Barry (a cura di)

  • The Beethoven Compendium, Thames & Hudson, Londra, 1991

Frimmel, Theodor von

  • Ludwig van Beethoven, ed. Harmonie, Berlino, 1901 (pag.65)

Platen, Emil

  • Prefazione all’edizione dei Trii per archi op.3, 8 & 9 per Henle Verlag (volume VI, serie 6 della Beethoven-Gesamtausgabe)

Unger, Max

  • Die Beethovenhandschriften der Pariser Konservatoriumsbibliothek, in Neues Beethoven-Jahrbuch, 6 (1935)

Zelter, Carl Friedrich

  • Lettera a Goethe del 30 aprile 1821, riportata in Letters to Zelter, with extracts from those of Zelter to Goethe, Londra, 1887 (pag.202).

SCRIVI QUI I TUOI COMMENTI

2 thoughts on “Il duetto in la maggiore per due violini (?) WoO 34

  1. giorgio

    A battuta 4- la penultima croma non è col.punto?

    Reply
    1. Gabriele Riccobono Post author

      Apparentemente sì, caro Giorgio (è bello avere lettori attenti).

      Il punto alla destra del Fa# potrebbe anche sembrare una macchia come quella a batt.3, ma il “taglio” del sedicesimo sul successivo Re sembra togliere ogni dubbio.

      Perché Frimmel cambiò, allora? Ci sono almeno due ipotesi percorribili:

      1) F. potrebbe aver lavorato non sull’originale ma su una riproduzione sulla quale i dettagli (il punto, la stanghetta o entrambi) non erano evidenti; oppure

      2) la stanghetta del Re sedicesimo potrebbe essere (o essere stata giudicata da Frimmel) non originale, forse aggiunta in un secondo momento (da Boucher? Non sembra, ma è necessaria un’analisi più approfondita).

      C’è anche la possibilità, da verificare, che questo manoscritto (in originale o in copia) non sia l’unica fonte consultata da Frimmel.

      Appena saremo alla Bibliothèque nationale de France cercheremo di analizzare “in carne e ossa” sia l’autografo che il presunto fac-simile nella Revue Internationale de Musique del 1898 – dico presunto perché non ci è ancora stato possibile consultarne una copia di persona.

      Come al solito condivideremo gli esiti sul nostro gruppo di approfondimento 😉
      https://www.facebook.com/groups/BeethovenAutentico/

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.