Dal diario di Sir George Smart. Visita a Beethoven (Baden, 16 settembre 1825)

“Venerdì 16 settembre, alle otto e mezza del mattino, è venuto il giovane [Ferdinand] Ries, e insieme siamo andati da Mödling a Baden con una carrozza a noleggio. La distanza è di circa sei miglia a sud di Mödling e sedici miglia a sud-est di Vienna. Il viaggio è costato 5 fiorini in banconote e ci ha impegnato per circa un’ora. (2) Dopo aver passeggiato nel piccolo parco e aver visto le terme, ci siamo recati presso gli alloggi di Beethoven, dietro suo invito. Questi sono situati curiosamente, in un grande cortile davanti casa sua era stato eretto un circus di legno per l’equitazione. Egli ha quattro ampie stanze che si aprono una sull’altra, arredate à la genius; in una è il pianoforte a coda, assai scordato, datogli da Broadwood, in cui sono scritti, oltre la riga in latino, i nomi di J. Cramer, Ferrari e C. Knyvett. (3) Beethoven mi diede il tempo, suonando i temi al pianoforte, di molte delle sue sinfonie, inclusa la Sinfonia Corale, la cui esecuzione, secondo il suo resoconto, durò solo tre quarti d’ora. I presenti, cioè [Karl] Holz, un violinista amateur; Carl Beethoven, il nipote; oltre al giovane Ries, furono d’accordo che l’esecuzione a Vienna ebbe solo quella durata; ciò … Leggi tutto Dal diario di Sir George Smart. Visita a Beethoven (Baden, 16 settembre 1825)