a

Help your business grow by creating your next online presentation with Cevian, a business virtuoso.

Recent Posts

Quick business execution 00 875 665 874 88 cevian@select.com
Back to top

Beethoven Autentico

Home

L'altro giorno sul nostro gruppo di approfondimento parlavamo di un caso estremamente interessante (e controverso) nel Finale della Prima Sinfonia – batt.246:L'esempio che vedi è tratto dall'edizione Breitkopf & Härtel del 1862, per decenni testo di riferimento dell'op.21 ancora oggi adottato dagli interpreti più conservatori.L'improvviso f sul battere ti è familiare, vero?Quasi tutte le edizioni successive ripropongono il passo esattamente in questo modo (compresa la

Ludwig van Beethoven è uno di quei compositori che ci hanno lasciato una mole imponente di schizzi autografi.Non è semplice dire quanti di questi documenti si siano conservati, dato che non tutti sono accessibili al pubblico.Secondo una mia personale stima dovrebbero aggirarsi attorno ai 5000 - una meravigliosa serie di appunti relativi a composizioni note, ma anche a molte sconosciute.Quando il lascito di Beethoven fu battuto all'asta a Vienna, il

"Noi scriviamo in modo diverso da come eseguiamo." Vale anche per Beethoven il celebre motto di Couperin? Una piccola introduzione al mondo delle prassi esecutive storiche, con tre esempi dall'Andante con moto della Quinta sinfonia. Oggi è normale eseguire il passo che vedi di seguito (batt.23) esattamente "come scritto", distinguendo bene la terzina (viole) dal ritmo puntato (legni):Esiste però una tradizione che

Abbiamo visto nello scorso articolo che il famoso passo in ottave nel finale della Waldstein, come pure quello analogo del Primo Concerto, era plausibilmente nelle intenzioni di Beethoven un glissando.Ma in che modo veniva realizzato all'epoca? E come renderlo sugli strumenti attuali?La fonte cronologicamente più vicina a Beethoven, La vera Arte di suonare il Pianoforte di Johann Peter Milchmeyer, testo edito a Dresda nel

Nel finale della "Waldstein" c'è un punto dall'interpretazione controversa: una successione di ottave su cui musicologi e pianisti dibattono da tempo. "È glissando oppure no?" Basta leggere qualche forum di pianisti online per accorgersi di quanti dubbi generi tra gli esecutori il passo a battuta 465 e seguenti del Rondò:è un glissando? sono ottave "di polso"? vanno suddivise tra le due mani?L'incertezza

È corretto, come sostengono alcuni studiosi e interpreti, includere il Grave introduttivo nella ripetizione dell'esposizione nella Patetica? Mentre l'altro giorno riascoltavo un'esecuzione di Zimerman, nota appunto per l'adozione di questa prassi (video sotto al min. 3:24)la mia attenzione è finita per caso su uno dei commenti su YouTube: "Se ripete l'esposizione dal Grave, deve esserci una valida ragione. Forse ha scoperto che